Ameo'e altrimenti

Le Domande di Bambù

Archivi Mensili: ottobre 2009

Abhainn na Life

Ha’Penny Bridge da bravo musicista copre le distanze in città più in là e si fa rincorrere veloce come arco di ciglia che Dublino sosta sulla vita a metà sera           qui sotto che arrivo, arrivo dai meandri di ginestre e biancospino per i campi che mai ho lasciato ingiallire ai piedi nudi delle mie …

Continua a leggere

La banda del palazzo di vetro

Di fronte rompe tra i pini maldestri l’occasione, il vento ritorto nei rami e traballa dalle autorimesse al tetto l’unico fusto di cristallerie affrante   indovino i volti, dentro, le scale l’andare su per giù e traspare l’incessante stridore delle grancasse i coperchi alle pentole, senza garanzia.   Quanti saranno, non lo so gli strumenti …

Continua a leggere

Nuove dalle praterie occidentali: il rap del capitello radiale

Salita sì, son salita sulla scala per spolverare e per spolverare   in bilico sui pioli in equilibrio voli   volata sì, son volata giù tra letto muro e armadio   pensavo a te pensavo a te   cheyenne testa tosta son finita dove resta il tempo di ingessar   son qui in compagnia sinistra …

Continua a leggere

Di passaggio dopo la pioggia

Levigandoci al marmo la fretta delle farfalle scivoliamo la mensola alla finestra chiusa e sorvolando in gocce l’indaco di un arcobaleno.  

Continua a leggere

Impaginazione dei tigli

  Imperturbabili impressionabili se al brunastro di terra risorta alle zolle stendono le pagine e i giorni che voglio lungo la strada di pieve. A metà vita piego gli angoli curve o tisane con te, imparo la solitudine tratteggiata del sole e il senso inverso del cadere. Si raccolgono i fiori di tiglio in estate.

Continua a leggere

Anche Annibale subì ingenti perdite nei paraggi

Ma gli elefanti, gli elefanti che hanno scritto qui   È così, devo misurare una spanna al Ponte delle Torri per capire la distanza che corre e corre come mi va, questa vita come ai molti inquilini negli stabili con archi e mattoni e giganti minuscole incisioni di scarpe a volte di salti soprattutto svenimenti …

Continua a leggere

Medicin man

Ecco che mondo è mai non ha piovuto, niente funghi la mia dispensa non ne ha neanche l’ombra ecco, arriva la neve: spero presto, per andare a sciare ma se penso a quel gelido tsunami a quello che fa da ombra alla gente d’isole già povere alla scala Richter sette punto otto di oggi pomeriggio, …

Continua a leggere

Pensiero tornasole su carta da parati

  Disegno fiorellini e resta ancora l’ape, si attorciglia un’ala al profilo che scopre dopo l’altro petalo l’ombra dell’altra ala   straordinaria immedesimazione in interludio nel mezzo girotondo tra l’aria rosastra e il ronzio al prossimo spiraglio   ma davvero punge, l’una dopo luna.   Ma guardati, scocca.

Continua a leggere

Taddeo dell’orto di San Fiorenzo

In quindici anni né sono dimagrito né sono ingrassato, dove arriva il cielo a largo e a lungo pianto il silenzio proprio so di dirvi dell’eremita la pianta sotto i piedi o sminuzzare l’esigenza del respiro in queste mani forti se al muro delle preghiere arriva chi muore c’è il dono grande da crescere. E …

Continua a leggere