Ameo'e altrimenti

Le Domande di Bambù

Notte note, non ho te

un pennino per musiche

      al tempo di Miguel de Cervantes

 

tra le parole e il vento dei mulini

nella pelle incavo (silenzi)

                     bocca della verità

disseto baratri di freddo

nei manierismi (delicati)

 

il clavicembalo cavalca anche la notte

di disarmonie, Dulcinea e Don Quijote

vestono un nonché di sogno

 

disgiunto

dalla terra

 

oppure tutto è una danza

                     /dal centro al vuoto/

dal saluto di fioretto alla stoccata, il rovescio

 ma io ti so e ti respiro, ritmico allungo di tango

Annunci

2 commenti

  1. eh, quando mi diventi cantastorie, non ci sono versi che non tengano 🙂

    mi piacciono moltissimo i tuoi pennini
    così musicali e vibranti.

  2. “vestono un nonché di sogno” è da cornice, tanto che “disgiunto” lo precipiterei nel verso successivo.
    pare una cavalcata a mo’ di scherzo musicale, capace di sublimare la fuga di un’assenza (freddo disgiunto) in un sempice “allungo di tango”.
    parole in discussione col silenzio, quindi, venato dal malinconico sottofondo sonoro del sapersi.
    sonoramente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: